Condividi!

Se c’è una domanda alla quale ogni buon SEO expert ha dovuto rispondere almeno una volta nella vita è:

“…ma la SEO, quella cosa del…posizionamento, dell’indicizzazione…insomma, di come cavolo la chiamate voi esperti, funziona davvero?!”

Ciò che mi ha sempre sorpreso, e continua a sorprendermi, è l’incredibile varietà di risposte che molti colleghi (talvolta bravissimi) riescono a dare “al primo colpo” senza conoscere minimamente il cliente, le sue risorse ed il mercato in cui lavora.

A parer mio, la risposta, invece, è semplice, unica e banale, ed è: basta verificarlo.

Partiamo da alcuni presupposti:

  • Una campagna SEO è totalmente inutile se non viene instaurata in un’ottica di medio-lungo termine
  • Una campagna SEO è totalmente inutile se non è accompagnata da budget consono e/o risorse tecnico-umane di qualità elevata
  • Una campagna SEO di successo prevede che il cliente faccia il cliente, cioè non metta in discussione le decisioni e le scelte del SEO expert.
  • Una campagna SEO di successo non può mai essere garantita, perchè sono troppe le dinamiche esterne che potrebbero mutarne il valore (recessione economica, decadimento della qualità dei prodotti “sponsorizzati”, cattivo rapporto con i clienti finali da parte del nostro cliente, pessimo customer service, aumento della concorrenza a parità di condizioni iniziali…)

Detto questo, se un cliente desidera sapere in anticipo se una campagna SEO può fare al caso suo, la risposta (diversa dal solito “dipende…”) dovrebbe essere:

E’ necessario effettuare una analisi delle vostre risorse (vai ai dettagli) ed una consulenza SEO preliminare (vai ai dettagli) al fine di stabilire anche e soprattutto le attuali condizioni i di mercato, in termini di concorrenza e competitività.
Al termine di questa analisi saremo in grado di stabilire se e come sarà possibile instaurare una campagna SEO che abbia alte probabilità di successo.

Questo approccio comporta una serie di vantaggi:

  • Il cliente eviterà di “buttare” del denaro nel tentativo di pagare un SEO expert che, per tutta la durata del contratto, cercherà di posizionare parole chiave per le quali la concorrenza prenderà il nome di “Wikipedia, Amazon, Ebay, Euronics, Mediaworld ecc…”, o che alternativamente cercherà di piazzare long tails ricercate 2 volte l’anno che porteranno al cliente un utile di € 15 a fronte dei € 500 al mese spesi per cercare di posizionarle.
  • Il professionista farà la figura del professionista, cioè di colui che prima di pensare ad incassare denaro cerca di fare del proprio meglio perchè il cliente possa prendere la strada giusta verso il successo.
    Dimostrare di essere professionisti, molto spesso, significa dover dire al cliente “si fidi, è meglio lasciar perdere.”

E’ chiaro che una consulenza di questo tipo non è un semplice consiglio, ma qualcosa di molto più approfondito che necessita di capacità tecniche e di grande preparazione per essere portata a termine con successo.
Un professionista merita di essere pagato anche e soprattutto quando evita al cliente di buttare elevate quantità di denaro in progetti con alto potenziale di fallimento. Proprio per questo la soluzione legata al servizio di consulenza seo preliminare, accompagnata da una corposa analisi delle risorserisulta essere ottimale. Il professionista, infatti, incasserà la giusta somma per la fornitura di una preziosa analisi preliminare, senza, del resto, intaccare in modo considerevole le risorse economiche del cliente che, si spera, sarà ben disposto a spendere una cifra ridicola rispetto a quella che dovrebbe impegnare qualora si buttasse alla cieca in una campagna SEO dai risultati quantomeno imprevedibili.

Questo è ciò che alla It Serv riteniamo essere il giusto approccio per l’attuazione di campagne SEO e, più in generale, di tutte le altre campagne di Web Marketing. Qualora abbiate suggerimenti, saremmo più che lieti di accoglierli e confrontarci!

Photo Credit: y3rdua via Compfight cc