Il costo di un Sito eCommerce, tra tutte le tipologie di Siti Web, è quello con il più ampio “range” di prezzi. Sono tantissime le variabili che determinano questa forbice, in particolare le cinque che seguono:

  1. Base Clienti
    C’è un enorme differenza, ad esempio, tra un piccolo negozio di provincia ed un grande marchio internazionale nel mondo del fashion. Le previsioni di traffico sul Sito saranno notevolmente diverse e di conseguenza sarà necessaria l’adozione di misure specifiche in termini di configurazione delle  risorse fisiche (server), banda disponibile, risorse tecniche (amministratori server, sviluppatori, customer service) e, conseguentemente, una enorme differenza in termini di costi iniziali e di gestione.
  2. Integrazioni e Software
    Un catalogo di 30 prodotti ed un magazzino con scarse movimentazioni saranno semplicissimi da gestire. Viceversa, un catalogo composto da 15000 prodotti e movimentazioni di magazzino pressochè continue costringeranno l’impresa al collegamento della piattaforma eCommerce all’ERP aziendale. Le risorse tecniche necessarie affinché tutto funzioni correttamente, evitando l’odiato effetto “overselling”, faranno certamente lievitare il costo del progetto.
  3. Marketing
    Come già anticipato nei paragrafi precedenti questa voce di spesa incide pesantemente non solo dal punto di vista “economico” ma anche in termini di successo o meno dell’intero progetto.
    Si può scegliere di investire anche solo € 1.000 al mese per una campagna PPC, ma non è affatto raro trovare aziende che investono oltre € 100.000 al mese per le loro campagne di Web Marketing ,perché sanno che nell’eCommercing, come nella realtà di tutti i giorni, non ci sono particolari vie di scampo: per ottenere profitti è necessario investire.
  4. Funzionalità e Personalizzazioni
    Dalla grafica ai servizi di photoshooting, da pagine altamente interattive fino a moduli che automatizzino determinati processi, potrebbe essere necessario investire migliaia di euro per ottenere particolari personalizzazioni della piattaforma eCommerce.
    Le piccole aziende, fortunatamente, possono comunque “estendere” il loro Sito eCommerce utilizzando moduli e plugin “gratuiti” o a basso costo reperibili attraverso appositi siti web dedicati.
  5. Contenuti
    Inserire nel catalogo del vostro eCommerce 30 prodotti piuttosto che 10.000 è decisamente diverso. Automatizzare il processo potrebbe essere possibile, ma è sempre da privilegiare l’inserimento manuale dei singoli prodotti.
    I nostri eCommerce sono dotati di semplici pannelli di controllo tramite i quali inserire i prodotti in catalogo, ma attenzione: una scheda prodotto ben fatta, con testi e titoli perfettamente formattati ed ottimizzati in ottica SEO, immagini in alta risoluzione delle giuste dimensioni, video, link, file audio ed altre integrazioni richiedono molto spesso la conoscenza del codice HTML, di software per il fotoritocco e, come anticipato, di alcuni fondamentali della SEO, nonché una conoscenza approfondita del pannello di controllo stesso della piattaforma.
    Lasciare che ad occuparsi dell’inserimento dei prodotti sia l’Agenzia alla quale è stato commissionato il progetto è sempre l’ipotesi migliore. In caso contrario, qualora si abbiano a disposizione risorse umane da dedicare a questa attività e si desideri tagliare i costi lasciando che siano loro ad occuparsene, sarà comunque necessaria una formazione di almeno 2/3 giorni per ognuna di queste risorse.
    La familiarità con i computer e possibilmente con le basi del codice HTML sono da considerare un plus di notevole importanza quando ci si trova a selezionare le risorse umane interne destinate ad occuparsi della gestione dell’eCommerce.

Come avrete potuto ben comprendere, sono troppe le variabili che incidono sul costo di un eCommerce per poterne definire un prezzo di massima. E’ necessaria una profonda analisi dei requisiti per stabilire qual è l’investimento da compiere.